Storia & Tv

Ogni volta che qualcuno parla della televisione e dei suoi programmi, non utilizza altri aggettivi che stupida, ignorante, volgare, non culturale, ipnotizzatrice delle masse, etc... Intendiamoci, sono d'accordo con loro: la televisione è per me da anni sinonimo di film, telefilm, documentari, telegiornali, tutti generi che non dipendono da essa o che dal mezzo televisione traggono elementi essenziali alla loro esistenza. Ed è vero che in tv mancano programmi culturali.

Però... però... però... i programmi che documentano eventi storici sono, francamente, assurdi. I vari La storia siamo noi, La grande storia, etc... hanno un unico e grande tema (che per quanto affascinante, dopo 100 puntate diventa monotono anch'esso): il nazi-fascismo. Sembra che non possano trattare d'altro! E la famiglia di Hitler e Mussolini, e le amanti di Hitler e Mussolini, e la morte di Hitler e Mussolini, e i segreti di Mussolini e Hitler, e la Resistenza, e la Guerra Mondiale, e la Grande Offensiva, e la Grande Ritirata, e gli eventi della Guerra, e i Preti della Resistenza, e gli strascichi della Guerra, e lo Sterminio della Guerra, e i Sopravvissuti della Guerra, e la Russia in guerra, e la Francia in guerra... e che due palle!

Da oggi inizio a segnare i titoli dei vari programmi... vedrete che non sbaglio di molto...
2 Responses
  1. velenero Says:

    Potrei dirti che insistere su quei temi serve a fare in modo che non si dimentichino... ma sarei troppo retorico...


  2. Limo Says:

    È vero, saresti troppo retorico, ma potresti anche essere nel giusto. Vedo però che troppe volte ripetiamo gli errori del passato "aggiornati" alle condizioni attuali. Quindi la conclusione è che no, in realtà la storia non ci ha (ancora) educati al rispetto e a non commettere sempre i soliti, gravissimi, tristissimi, infami errori.